mercoledì 4 luglio 2018

Chi soffre di malattie cardiache non fa abbastanza esercizio fisico

Le prove mostrano che le persone con problemi cardiaci già esistenti o che sono a rischio di svilupparle, ignorano i consigli medici e non fanno abbastanza esercizio fisico. Nuovi trattamenti medici hanno aiutato le persone a vivere più a lungo nonostante questi problemi di salute, ma ciò sta causando un aumento del carico sui sistemi di sanità pubblica in tutto il mondo. 
Lo studio pubblicato su Plos One e realizzato presso la Medical School dell'Università di Adelaide, ha esaminato le abitudini relative all'esercizio fisico di 3000 persone provenienti dalla popolazione  dell'Australia Meridionale e del Sud del Brasile.
"La ricerca precedente tendeva a valutare i benefici delle abitudini relative all'esercizio fisico dei pazienti con malattia cardiovascolare che seguono un piano di esercizi sviluppato dal loro medico", afferma l'autore dello studio, il dott. David A. Gonzalez-Chica dell'Università Adelaide di Adelaide Medical School.

"Esistono prove del fatto che oltre il 70% delle persone che soffrono o sono a rischio di sviluppare una patologia cardiaca a causa di diabete, pressione alta o colesterolo alto, non seguono un programma adeguato di esercizio regolare moderato o vigoroso, che è fondamentale per evitare ulteriori complicazioni e persino la mortalità.
"La portata di questo grave problema di salute pubblica è quindi sottovalutata", afferma il dott. González-Chica.
Le persone con problemi cardiaci vivono più a lungo, specialmente nei Paesi ad alto reddito come l'Australia, ma la loro qualità della vita a lungo termine viene influenzata negativamente perché evitano esercizi moderati o vigorosi. Le attuali linee guida suggeriscono di raccomandare almeno 150 minuti di attività fisica moderata o vigorosa alla settimana.
"Molte persone che vivono con malattie cardiovascolari o che sono a rischio di sviluppare la patologia a causa di problemi di salute esistenti si stanno esercitando troppo poco. L'esercizio leggero come fare una passeggiata non è sufficiente. Secondo il nostro studio, camminare per almeno 150 minuti a settimana è stato anche utile per migliorare la qualità della vita, anche quando l'individuo aveva una malattia cardiaca ".

"Le morti a causa di patologie cardiache rappresentano il 31% dei decessi a livello globale. Mentre la maggior parte di questi decessi si verifica in paesi a basso e medio reddito come il Brasile, la condizione rappresenta una percentuale crescente di malattie non trasmissibili nei paesi ad alto reddito come l'Australia ", afferma Dr Gonzalez-Chica.
A livello mondiale, il peso delle malattie cardiovascolari e dei suoi fattori di rischio è un problema crescente di salute pubblica. Secondo il World Economic Forum, le malattie non trasmissibili causeranno una perdita globale di 47 trilioni di dollari negli ultimi due decenni, con la malattia cardiovascolare come contributo più importante.

(Fonte: University of Adelaide)

Nessun commento:

Posta un commento

Se ti è piaciuto l'articolo, lascia un commento

Cucina vegana e metodo Kousmine

Cucina vegana e metodo Kousmine
Cibo sano, naturale e gustoso. Con tante ricette!

Esci di testa... entra nel cuore

Esci di testa... entra nel cuore
Prendi la via del Risveglio e realizza te stesso

Dimagrisci con la Psicoalimentazione

Dimagrisci con la Psicoalimentazione
Un percorso in 7 passi per ritrovare l'equilibrio perduto

Donne sOle - Il libro

Donne sOle - Il libro
Per ritrovare se stesse ed affermare la propria presenza nel mondo