Vuoi dimagrire? Adotta questo accorgimento mentre dormi


Un semplice accorgimento da adottare mentre si dorme, può rappresentare un importante fattore per chi vuole dimagrire, come suggerisce una ricerca, che è andata ad indagare le abitudini notturne di più di 40.000 donne. Il risultato è sintetizzato in questo articolo pubblicato sul National Institute of Health.



Secondo gli scienziati del National Institutes of Health, dormire con un televisore o una luce nella stanza può essere un fattore di rischio per ingrassare o sviluppare obesità.
La ricerca, che è stata pubblicata online il 10 giugno su JAMA Internal Medicine, è la prima a trovare un'associazione tra l'esposizione alla luce artificiale notturna durante il sonno e l'aumento di peso nelle donne. I risultati suggeriscono che spegnere le luci prima di coricarsi potrebbe ridurre le possibilità delle donne di diventare obese. 
Il team di ricerca ha utilizzato i dati del questionario di 43.722 donne nel Sister Study, uno studio di coorte che esamina i fattori di rischio per il cancro al seno e altre malattie. Le partecipanti, di età compresa tra 35 e 74 anni, non avevano precedenti di cancro o malattie cardiovascolari, non erano lavoratrici a turni, e non erano in stato di gravidanza all'inizio dello studio. Il questionario di studio chiedeva se le donne dormivano senza luce, una piccola luce notturna, con la luce fuori dalla stanza, o con una luce o una televisione nella stanza.



Gli scienziati hanno utilizzato il peso, l'altezza, la circonferenza della vita e dei fianchi e le misurazioni dell'indice di massa corporea prese al basale, così come le informazioni auto-riportate sul peso al basale e al follow-up cinque anni dopo. Usando queste informazioni, gli scienziati sono stati in grado di studiare l'obesità e l'aumento di peso nelle donne esposte alla luce artificiale di notte con donne che hanno riferito di dormire in stanze buie.
I risultati variano con il livello di luce artificiale durante l'esposizione notturna. Ad esempio, l'uso di una flebile luce notturna non era associato con l'aumento di peso, mentre le donne che dormivano con una luce o una televisione accesa avevano il 17% in più di probabilità di essere ingrassate 5 Kg o più nel periodo di follow-up. L'associazione con la luce proveniente dall'esterno della stanza era più modesta.
Inoltre, gli scienziati si sono chiesti se non essersi riposate abbastanza avesse giocato un ruolo nei risultati rilevati.



"Anche se il sonno scarso da solo era associato all'obesità e all'aumento di peso, non spiegava le associazioni tra esposizione alla luce artificiale durante il sonno e il peso", ha detto l'autrice corrispondente Dale Sandler, Ph.D., capo del ramo Epidemiologia presso la National Istituto di scienze della salute ambientale (NIEHS), parte del NIH.
La co-autrice Chandra Jackson, Ph.D., capo del Gruppo NIEHS sui determinanti sociali e ambientali di Health Equity Group, nota che per molti che vivono in ambienti urbani, la luce di notte è più comune e dovrebbe essere presa in considerazione. I lampioni, le insegne al neon sul retro del negozio e altre fonti di luce possono sopprimere la melatonina, ormone del sonno, e il ciclo naturale di 24 ore luce-buio dei ritmi circadiani.
"Gli esseri umani sono geneticamente adattati a un ambiente naturale costituito dalla luce solare durante il giorno e dall'oscurità notturna", ha detto Jackson. "L'esposizione alla luce artificiale di notte può alterare gli ormoni e altri processi biologici in modi che aumentano il rischio di problematiche  di salute come l'obesità".
Gli autori riconoscono che altri fattori confondenti potrebbero spiegare le associazioni tra la luce artificiale di notte e l'aumento di peso. Tuttavia, i loro risultati non sono cambiati quando le analisi sono state controllate per le caratteristiche che possono essere associate all'esposizione alla luce durante la notte. Questi fattori comprendevano l'età, la presenza di un vecchio coniuge o di figli nella casa, la razza, lo stato socioeconomico, le calorie consumate e l'attività fisica. Inoltre, lo studio non includeva uomini.



L'autore principale Yong-Moon (Mark) Park, M.D., Ph.D., è un postdoctoral nel gruppo di Sandler. Ha detto che la ricerca suggerisce una valida strategia di sanità pubblica per ridurre l'incidenza dell'obesità nelle donne.
"La dieta ipercalorica malsana e i comportamenti sedentari sono stati i fattori più comunemente citati per spiegare il continuo aumento dell'obesità", ha detto il dott. Park. "Questo studio evidenzia l'importanza della luce artificiale di notte e offre alle donne che dormono con le luci o davanti alla televisione un modo per migliorare la loro salute".


Commenti