Diabete non diagnosticato legato a infarto e malattie gengivali


E' già noto che la parodontite severa è associata ad un più alto rischio di infarto miocardico e ad una ridotta tolleranza al glucosio, e che il diabete è più comune nelle persone che hanno subito un infarto.
I ricercatori alla base di queste scoperte precedenti hanno ora studiato se i disordini glicemici non rilevati (disglicemia) - cioè una ridotta capacità di metabolizzare lo zucchero - siano legati a entrambe queste patologie: infarto miocardico e parodontite. I risultati sono pubblicati sulla rivista Diabetes Care.





Utilizza i dati dello studio precedente
Lo studio è stato una collaborazione tra cardiologi e dentisti al Karolinska Institutet e si basa sui dati di uno studio precedente chiamato PAROKRANK. Comprendeva 805 pazienti con infarto miocardico da 17 cliniche di cardiologia svedesi e 805 controlli.
Lo stato parodontico dei pazienti è stato valutato con i raggi X e lo stato di disglicemia con la curva da carico di glucosio.
I partecipanti con una diagnosi di diabete sono stati esclusi dallo studio, che ha quindi incluso 712 pazienti e 731 controlli con dati sia sullo stato parodontologico che sullo stato del glucosio, l'ultimo dei quali era diviso in tre categorie: normale, ridotta tolleranza al glucosio, diabete appena rilevato. I confronti sono stati effettuati dopo l'adeguamento per età, sesso, abitudine al fumo, istruzione e stato civile.






La disglicemia è un fattore di rischio chiave
Lo studio mostra che i disturbi del glucosio non rilevati in precedenza, che includono il diabete e la ridotta tolleranza al glucosio, sono legati a infarto del miocardio. Era approssimativamente due volte più comune per i pazienti con infarto del miocardio avere una disglicemia non rilevata rispetto ai controlli sani, confermando i risultati precedenti del gruppo di ricerca. 
È stato anche scoperto che il diabete non diagnosticato è legato a una grave parodontite.
"I nostri risultati indicano che la disglicemia è un fattore di rischio chiave sia per grave parodontite che per l'infarto del miocardio e che la combinazione di gravi parodontite e diabete non rilevati aumenta ulteriormente il rischio di infarto miocardico", dice Anna Norhammar, autrice e professore associato dello studio. Dipartimento di Medicina del Karolinska Institutet a Solna.
I risultati confermano legami precedentemente noti tra parodontite e diabete.






Collaborazione estesa tra specialisti del diabete e dentisti
Secondo i ricercatori, i risultati dovrebbero far sì che gli specialisti del diabete considerino la salute dei denti dei loro pazienti e la necessità di una più stretta collaborazione con i dentisti.
"Lo studio PAROKRANK è un buon esempio di tale collaborazione", afferma Lars Rydén, autore senior del presente studio, professore presso il Dipartimento di Medicina del Karolinska Institutet di Solna e presidente dello studio PAROKRANK.
"Il nostro studio dimostra che i disturbi del glucosio non rilevati sono comuni in due principali malattie: infarto miocardico e paradontite", afferma il dott. Norhammar. "Molte persone vanno regolarmente dal dentista e forse vale la pena prendere in considerazione di far sottoporre a regolari esami glicemici i pazienti con grave parodontite".



Uno dei limiti dello studio è che nonostante il gran numero di partecipanti, il numero di pazienti e di controlli con grave parodontite e diabete non rilevato era basso. Le differenze osservate nei legami tra diabete non rilevato e grave parodontite nei pazienti e nei controlli possono quindi essere attribuibili sia al basso numero di pazienti sia a differenze reali nella correlazione.

Fonte: Karolinska Institutet






Commenti