Mangi dopo cena o durante la notte? Corri seri rischi, suggerisce uno studio

Hai cenato e ti rilassi davanti alla TV. Dopo un po' ti sembra di sentire un certo languorino e ti viene voglia di mangiare qualche dolce. Oppure non riesci a dormire, ti alzi e apri il frigo. Sono comportamenti che possono far parte del tuo stile di vita, ma attenzione.



Nuovi risultati suggeriscono che mangiare a tarda notte potrebbe essere più pericoloso di quanto si pensi. Rispetto al consumo durante la giornata, un'alimentazione prolungata notturna può far ingrassare, far salire i livelli di insulina e colesterolo e influire negativamente sul metabolismo dei grassi, nonché sui marcatori ormonali implicati nelle malattie cardiache, diabete e su altri problemi di salute, secondo i risultati dei ricercatori della Perelman School of Medicina presso l'Università della Pennsylvania.
I risultati offrono la prima prova sperimentale sulle conseguenze metaboliche di un'alimentazione notturna rispetto al mangiare diurno. 


"Sappiamo dai nostri studi che quando si è privati ​​del sonno, questo influisce negativamente sul peso e sul metabolismo, in parte a causa del mangiare notturno, ma ora questi primi risultati, che controllano il sonno, forniscono un quadro più completo", ha detto Namni Goel, PhD, professoressa associata di ricerca in psicologia e Psichiatria nella divisione del sonno e cronobiologia e autrice principale dello studio. "Mangiare più tardi può promuovere un assetto negativo di peso, energia e marcatori ormonali - come glucosio e insulina più elevati, che sono implicati nel diabete, e colesterolo e trigliceridi, che sono collegati con problemi cardiovascolari e altre problemi di salute".
Nello studio, adulti di peso normale sono stati sottoposti a due condizioni, una in cui i pasti venivano fatti di giorno (tre pasti e due spuntini tra le 8:00 e le 19:00) per otto settimane e un'altra con i pasti che iniziavano e finivano più tardi (tre pasti e due spuntini da mezzogiorno alle 11 di sera) per otto settimane.  Il periodo di sonno è stato mantenuto costante, tra le 23:00. alle 9:00. Cosa hanno scoperto?


Il team ha scoperto che quando i partecipanti mangiavano più tardi, rispetto alle condizioni diurne, il peso aumentava. Anche il quoziente respiratorio, cioè il rapporto tra l'anidride carbonica prodotta dall'organismo e l'ossigeno consumato dal corpo che indica quali macronutrienti vengono metabolizzati, è aumentato durante la dieta "ritardata", indicando che mangiare più tardi ha portato a metabolizzare meno lipidi e più carboidrati. I ricercatori hanno anche scoperto che una serie di altre misure che riflettono profili metabolici negativi sono aumentate nella condizione di pasti notturni, inclusi insulina, glicemia a digiuno, colesterolo e livelli di trigliceridi.
Conducendo un profilo ormonale di 24 ore, hanno anche scoperto che durante la condizione alimentare diurna, la ghrelina ormonale, che stimola l'appetito, ha raggiunto il picco durante il giorno, mentre la leptina, che ci mantiene sazi, ha raggiunto il picco più tardi, suggerendo che i partecipanti hanno ricevuto vantaggi dal mangiare prima, e mangiare prima probabilmente li aiutava a rimanere sazi più a lungo. Questo suggerisce che mangiare presto potrebbe aiutare a prevenire l'eccesso di cibo la sera e la notte. Poiché i cicli sonno-veglia erano costanti, i livelli di melatonina rimanevano costanti in entrambi i gruppi.



"Visto che il cambiamento dello stile di vita non è mai facile, questi risultati suggeriscono che mangiare prima, nella fascia diurna,  potrebbe valere lo sforzo, in modo da aiutare a prevenire questi dannosi effetti cronici sulla salute", ha detto Kelly Allison, PhD, professoressa associata di psicologia in Psichiatria e direttrice del Centro per peso e disturbi alimentari e autrice senior dello studio. "Abbiamo una vasta conoscenza di come l'eccesso di cibo influisca sulla salute e sul peso corporeo, ma ora abbiamo una migliore comprensione di come il nostro corpo elabori gli alimenti in diverse ore del giorno per un lungo periodo di tempo."

Fonte: Penn Medicine

Commenti