Scoperta la "cellula d'origine": innesca ogni tipo di cancro e permette alla malattia di diffondersi

I ricercatori della Salford University hanno descritto la loro scoperta come essere riusciti a trovare il proverbiale "ago nel pagliaio". 
Ma i risultati, che potrebbero riscrivere i libri di testo di Medicina sulla crescita del cancro, potrebbero essere un duro colpo per i trattamenti esistenti, come la chemioterapia.
Il professor Michael Lisanti, autore dello studio, ha dichiarato: "Potremmo dover premere il pulsante di ripristino su come trattiamo il cancro con i farmaci".


 
Ha aggiunto: "Gli scienziati parlano del cancro causato dalle cellule morenti che tornano in vita, le cosiddette 'cellule zombi'. Ora vediamo che è più drammatico di così. In realtà, potrebbe essere descritto più accuratamente come una pausa carceraria.
In altre parole, questa cellula di origine si disfa e si scatena, moltiplicando le cellule maligne e creando un tumore".
Ha avvertito che la chemioterapia può incoraggiare le cellule staminali a proliferare di più, il che può incrementre la crescita dei tumori.
Due campioni di tumori al seno umani sono stati esaminati per lo studio, pubblicato sulla rivista Frontiers in Oncology.



Gli scienziati hanno utilizzato marcatori fluorescenti per isolare le cellule più energetiche prelevate dai campioni in laboratorio.
Una piccola percentuale delle cellule - ora cellule staminali tumorali energetiche di marca (eCSC) - aveva molta più energia delle altre.
Avevano anche più "staminalità" - capacità di creare un tumore - e alti livelli di proliferazione - un rapido aumento dei numeri.
Al momento non è chiaro come le cellule canaglia siano in grado di uscire dalla senescenza - un processo legato all'invecchiamento che fa sì che le cellule vicine alla fine della loro vita "congelino" e smettano di moltiplicarsi - e sono necessari ulteriori test per dimostrare qualsiasi teoria.
Ma i ricercatori credono che le eCSC possano usare antiossidanti e i mitocondri - la centrale elettrica delle cellule - per lanciare un attacco.



l professor Lisanti ha detto: “Sembra di trovare il proverbiale ago  nel pagliaio, e in modo cruciale ci dà una nuova finestra sul cancro e su come possiamo fermarlo. La maggior parte dei malati di cancro muore a causa della diffusione delle cellule tumorali in siti distanti, noti come metastasi. E' sempre più evidente che siano responsabili le cellule staminali del cancro metastatico, alimentate dai mitocondri. Tuttavia, la maggior parte della chemioterapia viene indirizzata alle cellule del cancro alla rinfusa. Qualche tipo di chemioterapia fa anche proliferare di più le cellule staminali del cancro".



Commenti