Smettere di assumere il cibo spazzatura provoca crisi d'astinenza come la tossicodipendenza

Ci sono alcuni cibi spazzatura che ci attirano di più: patatine fritte, pizza, dolciumi.
A volte può essere difficile togliere queste delizie malsane dalle nostre diete e ora una nuova ricerca dell'Università del Michigan potrebbe spiegare il perché. Smettere di mangiare cibo spazzatura altamente processato può causare sintomi di astinenza molto simili a quelli vissuti da persone che sono dipendenti da droghe.
La ricerca appare nella rivista Appetite. Si ritiene che sia il primo studio nel suo genere che esamina i sintomi di astinenza che le persone sperimentano quando smettono di utilizzare questi alimenti come parte della loro dieta regolare.



"Una delle critiche frequenti è stata che non sono stati condotti studi sugli esseri umani per indagare se la crisi d'astinenza, una caratteristica fondamentale della dipendenza, può verificarsi quando le persone eliminano il cibo spazzatura. Il nostro gruppo era motivato a sviluppare questa misura di valutazione dei sintomi  di astinenza nel contesto dei cibi spazzatura, al fine di colmare questa lacuna in letteratura" , ha detto a Healthline l'autrice principale dello studio Erica Schulte, un  dottorato di psicologia all'Università del Michigan.
"Riteniamo che i risultati forniscano un supporto iniziale per l'importanza della crisi quando si riducono i cibi spazzatura altamente trasformati e un ulteriore sostegno alla plausibilità di una 'dipendenza da cibo' per alcuni individui".
Tuttavia, ha osservato che "L'idea che alcune persone possano avere reazioni simili alla dipendenza da cibo spazzatura altamente elaborato rimane un'idea controversa".



Lottando con la crisi d'astinenza da cibo spazzatura
Schulte e i suoi colleghi hanno chiesto a 231 partecipanti adulti di segnalare eventuali sintomi di astinenza fisici e psicologici che avevano avuto dopo aver ridotto o essersi astenuti dal consumo di cibi spazzatura nell'ultimo anno.
Se avevano avuto più tentativi di smettere, è stato chiesto loro di segnalare il loro più recente. E' stato quindi chiesto loro di riferire se avevano mostrato uno qualsiasi dei tipici sintomi da astinenza che una persona ha quando cerca di ridurre il consumo di nicotina e cannabis.
Oltre a questo è stato chiesto loro se i tentativi di ridurre o eliminare gli alimenti dalle loro diete avessero avuto successo, e come hanno determinato cosa fosse quel "successo".
Queste persone hanno riferito di aver sperimentato tristezza, stanchezza, desiderio e irritabilità aumentata nei primi due-cinque giorni dopo aver smesso il cibo spazzatura. Questi sintomi alla fine si sono ridotti dopo quei pochi giorni iniziali.
Ciò corrisponde alla comprensione generale di come funziona quando si smette di assumere una droga. La durata dei sintomi di astinenza varia molto da droga a droga e dipende dalla durata della dipendenza, ma in generale i sintomi più evidenti si hanno la prima settimana dopo aver eliminato il consumo della droga.
Oltre ad essere sorpresa da quanto strettamente questi sintomi da eliminazione del cibo spazzatura fossero allineati con i sintomi dell'astinenza da farmaci, Schulte ha aggiunto che quanto più intenso è il sintomo di astinenza, tanto meno probabile è che il tentativo di portare avanti la dieta sia stato un successo.
"Questo dimostra che la crisi d'astinenza può essere un motivo importante da rendere difficile  la riduzione del cibo spazzatura", ha aggiunto.



Cosa fa il  cibo spazzatura al tuo cervello
Il dottor Vijaya Surampudi, assistente professore di medicina nella divisione della Nutrizione Umana all'Università della California, a Los Angeles (UCLA), ha detto a Healthline che il tipo di alimenti elaborati che pensiamo rientrino nella categoria "cibo spazzatura" sono generalmente carichi di  quattro cose che creano dipendenza - sale, grassi, caffeina e zucchero.
Ha detto che lo zucchero, ad esempio, fa generare dopamina, un neurotrasmettitore che invia messaggi al "sistema di ricompensa" nel cervello. Pensa alla dopamina come a un ricordo del fatto che è necessario ripetere l'attività piacevole che l'ha fatta produrre.
Il segnale inviato dalla dopamina quando si consuma zucchero inganna il cervello, che pensa di dover cercare la causa del piacere - in questo caso, un  gustoso piacere zuccherino - in altre attività più sane.
"Cominci a mangiare sempre di più per avere la stessa sensazione che hai vissuto come piacevole", ha spiegato Surampudi. "Immagina lo zucchero, la soda e la caffeina che stimolano il sistema di ricompensa, dicendoti costantemente che vuoi sempre più di queste sostanze."

Limiti della ricerca
Il rapporto attuale non ha esaminato queste risposte cerebrali. È uno studio di auto descrizione che richiede ai partecipanti di ricordare cosa è successo loro e non ha misurato i sintomi di astinenza in tempo reale. Schulte lo ha riconosciuto, aggiungendo che uno dei "limiti" del suo studio era che si concentrava sul chiedere alle persone di ripensare al loro più recente tentativo di eliminare questi alimenti. Ha detto che come passo successivo nella sua ricerca, vorrebbe somministrare lo strumento di autovalutazione a queste persone ogni giorno mentre stanno togliendo questi alimenti dalla loro dieta.
"Ciò fornirà maggiori informazioni su quali sono i sintomi più importanti e come la loro intensità cambia nel tempo", ha detto. "Credo anche che le implicazioni cliniche per questo lavoro presentino opportunità per ulteriori ricerche. Ad esempio, sarebbe utile esaminare se una maggiore sensazione spiacevole quando si toglie il cibo spazzatura sia associata a risultati terapeutici più scarsi, come l'aderenza alla dieta e la perdita di peso ".
La dott.ssa Carol A. Bernstein, professoressa di Psichiatria e Neurologia alla NYU Langone Health, ha detto a Healthline che è sempre cauta quando incontra studi di questo tipo.
È scettica sul fatto che la sensazione che si prova quando si smette di mangiare popcorn o cioccolata sia identica a quella che si ha quando si verifica l'astinenza da qualcosa come la cocaina, per esempio.
"Non penso sia difficile stare lontano dalle patatine e dal cioccolato, tanto quanto stare lontano dall'eroina e dalla cocaina", ha detto.
Ha aggiunto che si preoccupa che studi come questo possano "banalizzare la serietà di altre dipendenze".
"È scientificamente provato che la dipendenza dimostrata dagli oppiacei, dall'eroina, dalla cocaina e dall'alcool ha conseguenze pericolose e gravi per la salute", ha sottolineato Bernstein. "Queste cose dirottano il cervello. Non so se è lo stesso per le persone cui  manca il cioccolato. "
Per lei, se sei preoccupato per la tentazione verso cibi malsani  e vuoi sapere come eliminarli dalla tua vita, consulta il tuo medico e nutrizionista se ne hai uno.



Cosa sapere sulla detox da "cibo spazzatura"
Quindi, cosa succede se vuoi semplicemente mangiare più sano ma stai trovando difficile smettere questi alimenti?
Surampudi ha detto che "disintossicarsi" dal cibo spazzatura può essere difficile, ma se stai lottando per cercare di rimanere in buona salute, ricorda a te stesso che "avrai questi cibi, ma non oggi".
"Nel momento in cui togliamo via completamente qualcosa, ci mettiamo in una cornice mentale negativa", ha detto. "È importante dirti un'affermazione più positiva: 'Lo avrò, solo non oggi'"
Ha suggerito che cercare di eliminare gradualmente questi alimenti può richiedere più tempo.  
Se il nuovo studio dimostra qualcosa, è il fatto che le prime settimane di eliminazione del cibo spazzatura dalla tua vita saranno difficili.
"Dico sempre alla gente: 'le prime due settimane saranno difficili, ma migliora, lo prometto'", ha detto Surampudi. "Le prime settimane saranno difficili perché stai cercando di regolare i livelli di zucchero nel sangue, equilibrando i livelli di insulina che pensiamo causi la dipendenza. Meglio iniziare al mattino con cibi a basso carico glicemico. In questo modo non avrai voglia di zucchero per tutto il giorno. "
Ha anche aggiunto che dovresti "bere molta acqua" e "dormire abbastanza".
"Devi lavorare su quei fattori generali di stile di vita che non sono sempre direttamente correlati al cibo per aiutarti a gestire lo stress che si ha nel momento in cui si cambiano gli schemi alimentari", ha detto.

Fonte: Healthline

Commenti