Respirare attraverso il naso aiuta la memoria

Il modo in cui respiriamo può influenzare il modo in cui i nostri ricordi sono consolidati (cioè rinforzati e stabilizzati). Se respiriamo attraverso il naso piuttosto che con la bocca dopo aver provato a memorizzare una serie di odori, li ricordiamo meglio, riportano i ricercatori del Karolinska Institutet in Svezia su The Journal of Neuroscience.
La ricerca sul modo in cui la respirazione influenza il cervello è diventata un campo sempre più popolare negli ultimi anni e nuove metodologie hanno consentito più studi, molti dei quali si sono concentrati sulla memoria. I ricercatori del Karolinska Institutet dimostrano ora che le persone che respirano attraverso il naso consolidano meglio i loro ricordi.





"Il nostro studio dimostra che ricordiamo meglio gli odori se respiriamo attraverso il naso quando la memoria viene consolidata - il processo che avviene tra l'apprendimento e il recupero della memoria", afferma Artin Arshamian, ricercatore presso il Dipartimento di Neuroscienze Cliniche, Karolinska Institutet. "Questa è la prima volta che qualcuno lo dimostra."
Per lo studio, i ricercatori hanno chiesto ai partecipanti di apprendere dodici diversi odori in due occasioni separate. E' stato poi chiesto di respirare attraverso il naso o la bocca per un'ora. Quando il tempo è scaduto, ai partecipanti sono stati presentati il vecchio e un nuovo set di dodici odori, e hanno chiesto di dire se ognuno proveniva dalla sessione di apprendimento o nuovo.
I risultati hanno mostrato che quando i partecipanti respiravano attraverso il naso tra il momento dell'apprendimento e il riconoscimento, ricordavano meglio gli odori.





Attività nel cervello
"Il prossimo passo sarà misurare ciò che accade realmente nel cervello durante la respirazione e come questo sia collegato alla memoria", afferma il dott. Arshamian. "Questa era in precedenza una pratica impossibile poiché gli elettrodi dovevano essere inseriti direttamente nel cervello. Siamo riusciti a risolvere questo problema e ora stiamo sviluppando, con il mio collega Johan Lundström, un nuovo mezzo per misurare l'attività nel bulbo  olfattivo e nel cervello senza dover inserire elettrodi ".
Ricerche precedenti hanno dimostrato che i ricettori nel bulbo olfattivo non solo rilevano odori, ma anche variazioni nel flusso d'aria stesso. Nelle diverse fasi di inspirazione ed espirazione, vengono attivate diverse parti del cervello. Ma come avviene la sincronizzazione della respirazione e dell'attività cerebrale e come influenza il cervello, e quindi il nostro comportamento, è sconosciuto. La medicina tradizionale ha spesso, tuttavia, sottolineato l'importanza della respirazione.





"L'idea che la respirazione influisca sul nostro comportamento non è in realtà nuova", afferma il dott. Arshamian. "In effetti, la conoscenza esiste da migliaia di anni in ambiti come la meditazione. Ma nessuno è riuscito a dimostrare scientificamente ciò che accade nel cervello. Ora abbiamo strumenti che possono rivelare nuove conoscenze cliniche ".

Fonte: Karolinska Institutet

Commenti