Uno stile di vita sano riduce il rischio di ictus, indipendentemente dal rischio genetico

Le persone ad alto rischio genetico di ictus possono ancora ridurre le loro possibilità di avere un ictus aderendo a uno stile di vita sano, rivela uno studio pubblicato su The BMJ.
L'ictus è una malattia complessa causata da fattori sia genetici che ambientali, tra cui la dieta e lo stile di vita. Ma l'adesione a uno stile di vita sano potrebbe compensare l'effetto della genetica sul rischio di ictus?
Un team internazionale guidato da ricercatori dell'Università di Cambridge ha deciso di scoprirlo indagando se un punteggio di rischio genetico per ictus è associato a ictus ("incidente") reale in una grande popolazione di adulti britannici.



Hanno sviluppato un punteggio di rischio genetico basato su 90 varianti geniche note per essere associate a ictus analizzando 306.473 uomini e donne bianchi nel Regno Unito Biobank - un database di informazioni biologiche proveniente da mezzo milione di adulti britannici.
I partecipanti avevano un'età compresa tra i 40 e i 73 anni e non avevano avuto storia di ictus o infarto.
Gli archivi ospedalieri e di morte sono stati quindi utilizzati per identificare gli eventi di ictus su un follow-up medio di sette anni.
In tutte le categorie di rischio genetico e stile di vita, il rischio di ictus era più alto negli uomini rispetto alle donne.
Il rischio di ictus era del 35% più alto tra quelli ad alto rischio genetico rispetto a quelli a basso rischio genetico, indipendentemente dallo stile di vita.
Tuttavia, uno stile di vita non sano era associato ad un aumento del rischio di ictus del 66% rispetto a uno stile di vita sano (attività fisica, non essere in sovrappeso o obesi, dieta sana e niente fumo), e questo aumento del rischio era presente in qualsiasi categoria di rischio genetico.



Un alto rischio genetico combinato con un profilo di stile di vita sfavorevole è stato associato a un rischio di ictus più che doppio rispetto a un basso rischio genetico e ad uno stile di vita sano.
Questi risultati evidenziano il beneficio per l'intera popolazione di aderire a uno stile di vita sano, indipendente dal rischio genetico, affermano i ricercatori. Tra i fattori dello stile di vita, le associazioni più significative sono state osservate per il fumo e il sovrappeso o l'obesità.
Questo è uno studio osservazionale, quindi non è possibile trarre conclusioni definitive su causa ed effetto e i ricercatori riconoscono diversi limiti, come la ristretta gamma di fattori dello stile di vita, e che i risultati potrebbero non essere applicati in generale perché lo studio era limitato alle persone di discendenza europea. Tuttavia, le ampie dimensioni del campione hanno permesso di studiare nel  dettaglio la combinazione del rischio genetico e dello stile di vita. Come tali, i ricercatori concludono che i loro risultati evidenziano il potere degli interventi sullo stile di vita per ridurre il rischio di ictus in tutta la popolazione, anche in quelli ad alto rischio genetico.



Il professor Hugh Markus del Dipartimento di Neuroscienze Cliniche dell'Università di Cambridge afferma: "Questo ha fatto comprendere quanto sia importante uno stile di vita sano per tutti noi, anche quelli senza un'ovvia predisposizione genetica. Alcune persone sono ancora più in svantaggio  se i geni "cattivi" li mettono a rischio più elevato di ictus, ma anche così possono comunque trarre beneficio dal non fumare e dall'avere una dieta sana".

Commenti