mercoledì 10 ottobre 2018

Parliamo di artrite

L'artrite reumatoide è una malattia autoimmune sistemica cronica che colpisce milioni di persone. È caratterizzata da dolore persistente e rigidità, insieme a progressiva distruzione articolare, in particolare nelle mani e nei piedi, portando a deformità paralizzante. Cosa possiamo fare per prevenirla e trattarla?
 In un famoso studio randomizzato controllato di 13 mesi di diete a base vegetale per l'artrite reumatoide, i pazienti sono stati sottoposti a una dieta vegana per tre mesi e mezzo, per poi passare a una dieta lactovegetariana priva di uova per il resto dello studio. Rispetto al gruppo di controllo, che non ha modificato la propria dieta, il gruppo di origine vegetale ha avuto un significativo miglioramento nella rigidità mattutina entro il primo mese, riducendo il numero di ore in cui le persone hanno sofferto di rigidità articolare. Il dolore è sceso da cinque su dieci a meno di tre su dieci. I soggetti del gruppo vegetale hanno anche riferito di sentirsi meglio soggettivamente e di sperimentare un miglioramento significativo della forza nella presa, meno articolazioni gracili, meno dolorabilità per articolazione e meno gonfiore, con l'ulteriore vantaggio di perdere circa 13 chili e mantenere il nuovo peso per tutto l'anno. Hanno anche avuto un calo dei marcatori infiammatori nel sangue. La domanda è: perché? Che cosa ha a che fare la dieta con la malattia infiammatoria delle articolazioni? Le diete a base vegetale possono aiutare l'artrite reumatoide diminuendo l'esposizione a un composto infiammatorio presente nei prodotti animali.




L'artrite può anche essere scatenata dai batteri Yersinia, che fanno ammalare quasi centomila americani ogni anno. In ogni focolaio per il quale è stata trovata una fonte, il colpevole era carne di maiale contaminata. Nella maggior parte dei casi, l'avvelenamento da cibo di Yersinia porta a poco più di una gastroenterite acuta, ma i sintomi possono diventare gravi e causare appendicite, portando a interventi chirurgici di emergenza non necessari. Le conseguenze a lungo termine dell'infezione da Yersinia comprendono l'infiammazione cronica di occhi, reni, cuore e articolazioni. Gli studi hanno rilevato che entro un anno dall'avvelenamento da cibo di Yersinia, le vittime hanno 47 volte più probabilità di venire incontro a un'artrite autoimmune, e i batteri possono anche svolgere un ruolo importante nell'innescare una condizione di tiroide autoimmune nota come morbo di Basedow-Graves.
Anche il nostro peso può diventare un fattore scatenante. Negli ultimi decenni il numero di bambini americani dichiarati in sovrappeso è aumentato di oltre il 100%. I bambini obesi all'età di sei anni hanno maggiori probabilità di rimanere così, e dal 75 all'80 per cento degli adolescenti obesi possono rimanere obesi da adulti. Come tale, l'obesità infantile può essere un potente predittore di malattie e morte per adulti. Ad esempio, il sovrappeso da adolescente può far prevedere il rischio di malattia anche 55 anni dopo. Tali individui possono avere il doppio del rischio di morire di malattie cardiache e una maggiore incidenza di altre malattie, tra cui il cancro del colon-retto, la gotta e l'artrite.




Non solo le diete a base vegetale possono migliorare o addirittura eliminare i sintomi di artrite, ma specifici alimenti vegetali possono fornire un certo sollievo. Ad esempio, le bacche di açai hanno mostrato un modesto beneficio per chi soffre di artrosi. Le amarene sembrano così anti-infiammatorie che possono essere usate per trattare anche la gotta. I deliziosi trattamenti dietetici sono molto apprezzati, visto che alcuni farmaci per la gotta possono costare $ 2.000 a dose, non distinguono nettamente tra dosi non tossiche, tossiche e letali o possono causare un raro effetto collaterale potenzialmente letale in cui la pelle si stacca dal corpo .




La curcumina, il pigmento della curcuma che le conferisce quel colore giallo brillante, ha dimostrato di trattare efficacemente l'artrite reumatoide. Consumare la curcuma con la soia può offrire un doppio beneficio per chi soffre di artrosi. Il tofu strapazzato è la classica combinazione di curcuma-soia, ma lasciatemi condividere uno dei miei preferiti: un frullato di zucca che può essere preparato in meno di tre minuti. Basta frullare una tazza di  purea di zucca, una manciata di mirtilli (anche congelati) e datteri denocciolati, una pezzetto di curcuma di circa mezzo centimetro (o un quarto di cucchiaino di polvere) e un po' di latte di soia non zuccherato per raggiungere la consistenza preferita.

Fonte: nutritionfacts.org

Nessun commento:

Posta un commento

Se ti è piaciuto l'articolo, lascia un commento

Cucina vegana e metodo Kousmine

Cucina vegana e metodo Kousmine
Cibo sano, naturale e gustoso. Con tante ricette!

Esci di testa... entra nel cuore

Esci di testa... entra nel cuore
Prendi la via del Risveglio e realizza te stesso

Dimagrisci con la Psicoalimentazione

Dimagrisci con la Psicoalimentazione
Un percorso in 7 passi per ritrovare l'equilibrio perduto

Donne sOle - Il libro

Donne sOle - Il libro
Per ritrovare se stesse ed affermare la propria presenza nel mondo