giovedì 4 ottobre 2018

I ricercatori della University of Minnesota Medical School hanno scoperto come rallentare l'invecchiamento

Una precedente ricerca pubblicata all'inizio di quest'anno in Nature Medicine che coinvolge la facoltà dell'University of Minnesota Medical School Paul D. Robbins e Laura J. Niedernhofer e i ricercatori della Mayo Clinic James L. Kirkland e Tamara Tchkonia, ha dimostrato che era possibile ridurre il carico delle cellule danneggiate, definite cellule senescenti, e prolungare la durata della vita e migliorare la salute, anche quando il trattamento è stato avviato in tarda età. Ora hanno dimostrato che il trattamento dei topi anziani con il prodotto naturale Fisetina, che si trova in molti frutti e verdure, ha anche significativi effetti positivi sulla salute e sulla durata della vita.




Quando le persone invecchiano, accumulano cellule danneggiate. Quando le cellule raggiungono un certo livello di danno, subiscono un processo di invecchiamento, chiamato senescenza cellulare. Le cellule rilasciano anche fattori infiammatori che dicono al sistema immunitario di eliminare quelle cellule danneggiate. Il sistema immunitario di una persona giovane è in buona salute ed è in grado di eliminare le cellule danneggiate. Ma come le persone invecchiano, non vengono rimosse in modo efficace. Così iniziano ad accumularsi, causano infiammazioni croniche e rilasciano enzimi che possono degradare il tessuto.
Robbins e colleghi ricercatori hanno scoperto che un prodotto naturale, chiamato fisetina, riduce il livello di queste cellule danneggiate nel corpo. Hanno trovato questo trattando i topi verso la fine della vita con il composto e notando un miglioramento della salute e della durata della vita. Il documento, "Fisetin is a senotherapeutic that extends health and lifespan", è stato recentemente pubblicato su EBioMedicine.





"Questi risultati suggeriscono che possiamo estendere il periodo di salute anche verso la fine della vita", ha detto Robbins. "Ma ci sono ancora molte domande da affrontare, ad esempio il giusto dosaggio,."
Una domanda a cui possono ora rispondere, tuttavia, è perché non l'hanno fatto prima. C'erano sempre dei limiti quando si trattava di capire come un farmaco avrebbe potuto agire su diversi tessuti, su diverse cellule in un corpo che invecchia. I ricercatori fino ad ora non avevano avuto modo di identificare se un trattamento stava effettivamente attaccando le particolari cellule che sono senescenti.
Sotto la guida di Edgar Arriaga, professore nel Dipartimento di Chimica del College of Science and Engineering dell'Università del Minnesota, il team ha usato la citometria di massa, o CyTOF,  e l'ha applicata per la prima volta nella ricerca sull'invecchiamento, cosa unica per l'Università del Minnesota.
"Oltre a dimostrare che la molecola funziona, questa è la prima ricerca che mostra i suoi effetti su sottoinsiemi specifici di queste cellule danneggiate all'interno di un determinato tessuto", ha detto Robbins.






Il Dr. Niedernhofer, direttore e il Dr. Robbins, co-direttore del Medical Discovery Team on Aging e il Nuovo Istituto sulla Biologia dell'Invecchiamento e del Metabolismo (iBAM) presso l'University of Minnesota Medical School, si stanno concentrando sulla ricerca di base e traslazionale per identificare approcci nuovi ed efficaci al fine di migliorare la salute  della popolazione che invecchia.

Nessun commento:

Posta un commento

Se ti è piaciuto l'articolo, lascia un commento

Cucina vegana e metodo Kousmine

Cucina vegana e metodo Kousmine
Cibo sano, naturale e gustoso. Con tante ricette!

Esci di testa... entra nel cuore

Esci di testa... entra nel cuore
Prendi la via del Risveglio e realizza te stesso

Dimagrisci con la Psicoalimentazione

Dimagrisci con la Psicoalimentazione
Un percorso in 7 passi per ritrovare l'equilibrio perduto

Donne sOle - Il libro

Donne sOle - Il libro
Per ritrovare se stesse ed affermare la propria presenza nel mondo