Anticorpi correlati agli attacchi di cuore

I livelli di anticorpi antifosfolipidi, che sono associati a malattie reumatiche, sono anche elevati nell'infarto del miocardio senza alcuna co-morbilità autoimmune, secondo uno studio del Karolinska Institutet in Svezia pubblicato su Annals of Internal Medicine.
Gli anticorpi antifosfolipidi (aPL) sono un gruppo di anticorpi che prendono di mira il tessuto endogeno, compresa la molecola di grasso cardiolipina e la proteina plasmatica β2glicoproteina-I. La cardiolipina si trova nelle membrane delle cellule dei vasi sanguigni e delle piastrine del sangue, mentre la β2glicoproteina-I si trova nel sangue e si pensa che aiuti il ​​corpo a liberarsi dalle cellule morte.



Gli anticorpi sono comuni nelle malattie reumatiche come il LES e aumentano il rischio di coaguli di sangue. La sindrome antifosfolipidica (APS) è una condizione autoimmune caratterizzata da ricorrenti coaguli di sangue e/o morbilità della gravidanza insieme a livelli cronicamente elevati di anticorpi antifosfolipidi.
Non è noto quanto siano comuni gli anticorpi nei pazienti con infarto miocardico, ma senza alcuna co-morbilità autoimmune. Gli studi precedenti sono stati scarsi e la misurazione degli anticorpi era difettosa.
"Ero convinta da tempo che gli anticorpi sono più comuni di quanto pensiamo e sono stata in grado di analizzare la loro presenza in un grande numero di pazienti", dice Elisabet Svenungsson, professoressa di reumatologia presso il Dipartimento di Medicina del Karolinska Institutet di Solna.



Dieci volte più comune negli attacchi di cuore
Lo studio ha coinvolto 800 pazienti di 17 ospedali svedesi che avevano subito il loro primo infarto miocardico e altrettanti pazienti sani come controllo. Il loro sangue è stato poi analizzato da 6 a 10 settimane dopo l'infarto per tre diversi tipi di anticorpi antifosfolipidi: immunoglobulina G (IgG), M (IgM) e A (IgA). È stato riscontrato che l'11% dei pazienti aveva anticorpi antifosfolipidi contro la cardiolipina e la β2glicoproteina-I, che era dieci volte più alta dei controlli.
"Era una percentuale sorprendentemente alta di pazienti e anche i livelli erano chiaramente alti", afferma il professor Svenungsson.
Tuttavia, l'aumento è stato riscontrato solo negli anticorpi IgG, il tipo che è considerato più associato ai coaguli di sangue.



Può cambiare il trattamento dell'infarto del miocardio
La misurazione è stata effettuata in un'unica occasione, quindi non è impossibile che rifletta una reazione temporanea all'infarto. Tuttavia, se i livelli di anticorpi antifosfolipidi rimangono elevati per altri tre mesi, per definizione questi pazienti hanno APS.
"Nel qual caso, secondo le attuali raccomandazioni, dovrebbe essere prescritto un trattamento per tutta la vita con anticoagulante, che riduce il rischio di nuovi coaguli di sangue", afferma Elisabet Svenungsson. "Questo cambierebbe le linee guida prevalenti per l'indagine e il trattamento degli attacchi di cuore".

Commenti