giovedì 5 luglio 2018

Il dentifricio e la saponetta per le mani possono contribuire alla resistenza agli antibiotici

Un ingrediente comune nel dentifricio e nelle saponette per le mani potrebbe contribuire alla resistenza agli antibiotici, secondo la ricerca dell'Università del Queensland.
 
Uno studio condotto dal dott. Jianhua Guo del Advanced Water Management Center di UQ si è concentrato sul triclosan, un composto utilizzato in più di 2000 prodotti per la cura personale.
Il dott. Guo ha detto che, mentre era già noto che l'uso eccessivo e l'abuso di antibiotici potevano creare "superbatteri", i ricercatori non erano a conoscenza che anche altre sostanze chimiche potevano indurre resistenza agli antibiotici.


"Le acque reflue provenienti da aree residenziali hanno livelli simili o addirittura superiori di batteri resistenti agli antibiotici e di geni di resistenza agli antibiotici rispetto agli ospedali, dove ci si aspetterebbe una maggiore concentrazione di antibiotici", ha affermato. "Ci siamo quindi chiesti se le sostanze chimiche non antibiotiche e antimicrobiche (NAAM) come il triclosan possono indurre direttamente resistenza agli antibiotici", ha detto il dott. Guo.
"Queste sostanze chimiche sono utilizzate in quantità molto maggiori  tutti i giorni, quindi si finisce con livelli residui elevati nell'ambiente più ampio, che possono indurre resistenza multi-farmaco. Questa scoperta fornisce una prova evidente che il triclosan trovato nei prodotti per la cura personale che usiamo quotidianamente sta accelerando la diffusione della resistenza agli antibiotici".
Il direttore del Centro di gestione idrica avanzato, il professor Zhiguo Yuan, ha affermato che la scoperta dovrebbe essere un campanello d'allarme per rivalutare il potenziale impatto di tali sostanze chimiche.


"Mentre la FDA (Food and Drug Administration) statunitense ha vietato l'uso del triclosan nel sapone antibatterico, la precedente mancanza di prove inequivocabili ha impedito che tale politica venisse adottata in altri paesi", ha affermato il professor Yuan.
La resistenza agli antibiotici è diventata una grave minaccia per la salute pubblica a livello mondiale con circa 700.000 persone all'anno che muoiono di infezioni resistenti agli antibiotici.




La relazione sulla resistenza antimicrobica prevede che si raggiungeranno 10 milioni di decessi all'anno entro il 2050 se non verrà intrapresa alcuna azione subito.


(Fonte: University of Queensland)

Nessun commento:

Posta un commento

Se ti è piaciuto l'articolo, lascia un commento

Cucina vegana e metodo Kousmine

Cucina vegana e metodo Kousmine
Cibo sano, naturale e gustoso. Con tante ricette!

Esci di testa... entra nel cuore

Esci di testa... entra nel cuore
Prendi la via del Risveglio e realizza te stesso

Dimagrisci con la Psicoalimentazione

Dimagrisci con la Psicoalimentazione
Un percorso in 7 passi per ritrovare l'equilibrio perduto

Donne sOle - Il libro

Donne sOle - Il libro
Per ritrovare se stesse ed affermare la propria presenza nel mondo