mercoledì 6 giugno 2018

Una molecola del tè verde potrebbe prevenire gli attacchi di cuore

Secondo una ricerca finanziata dalla British Heart Foundation e pubblicata sul Journal of Biological Chemistry, il tè verde potrebbe essere la chiave per prevenire la morte per infarto e ictus causati dall'aterosclerosi.
 
Scienziati dell'Università di Lancaster hanno scoperto che un composto trovato nel tè verde, attualmente studiato per la sua capacità di ridurre le placche di amiloide nel cervello nella malattia di Alzheimer, si rompe e scioglie le placche proteiche potenzialmente pericolose che si trovano nei vasi sanguigni.
L'aterosclerosi è l'accumulo di materiale grasso all'interno delle nostre arterie che può ridurre il flusso di sangue al cuore e al cervello. Nelle fasi avanzate della condizione, una proteina chiamata apolipoproteina A-1 (apoA-1) può formare depositi di amiloide, che sono simili nella struttura a quelli associati alla malattia di Alzheimer. Questi depositi si accumulano nelle placche aterosclerotiche. Qui, aumentano le dimensioni delle placche, riducendo ulteriormente il flusso di sangue, e possono anche rendere le placche meno stabili, aumentando il rischio di infarto o ictus.
I ricercatori hanno scoperto che l'epigallocatechina-3-gallato (EGCG), più comunemente associata al tè verde, si lega alle fibre amiloidi di apoA-1. Questo converte le fibre in molecole solubili più piccole che hanno meno probabilità di danneggiare i vasi sanguigni.

Ora il team sta lavorando alla ricerca di modi per introdurre quantità efficaci di EGCG nel sangue senza che sia necessario bere grandi quantità di tè verde potenzialmente dannose. Ciò potrebbe comportare la modifica della struttura chimica dell'EGCG, rendendo più facile l'assorbimento dallo stomaco e una maggiore resistenza al metabolismo, o lo sviluppo di nuovi metodi per rilasciare la molecola alle placche, ad esempio tramite un'iniezione.
David Middleton, professore di chimica alla Lancaster University, ha dichiarato: 
"I benefici per la salute del tè verde sono stati ampiamente promossi ed è noto da tempo che l'EGCG può alterare le strutture delle placche amiloidi associate alla malattia di Alzheimer. I nostri risultati mostrano che questo composto intrigante potrebbe anche essere efficace contro i tipi di placche che possono causare infarti e ictus".
Il professor Jeremy Pearson, direttore medico associato presso la British Heart Foundation, ha dichiarato: "I nostri corpi sono molto bravi a scomporre l'EGCG, quindi è improbabile che utilizzare la tua tazza di tè verde faccia una grande differenza rispetto alla salute del tuo cuore. Ma progettando la molecola, potremmo essere in grado di produrre nuovi farmaci per il trattamento di infarto e ictus".
La professoressa Sheena Radford, direttrice del Centro di asbury per biologia strutturale molecolare dell'Università di Leeds e coautrice della ricerca, ha dichiarato: "I risultati di questo ciclo di studi sono molto incoraggianti. Ora dobbiamo applicare le migliori tecniche scientifiche per scoprire come possiamo prendere l'elemento molecolare dell'ECGC dal tè verde e trasformarlo in uno strumento funzionante per combattere i problemi di salute che limitano la vita ".

Nessun commento:

Posta un commento

Se ti è piaciuto l'articolo, lascia un commento

Cucina vegana e metodo Kousmine

Cucina vegana e metodo Kousmine
Cibo sano, naturale e gustoso. Con tante ricette!

Esci di testa... entra nel cuore

Esci di testa... entra nel cuore
Prendi la via del Risveglio e realizza te stesso

Dimagrisci con la Psicoalimentazione

Dimagrisci con la Psicoalimentazione
Un percorso in 7 passi per ritrovare l'equilibrio perduto

Donne sOle - Il libro

Donne sOle - Il libro
Per ritrovare se stesse ed affermare la propria presenza nel mondo