domenica 29 aprile 2018

Alcuni antidepressivi legati a un aumentato rischio di demenza - anche a distanza di anni

Gli studi rilevano che le persone che hanno assunto farmaci anticolinergici hanno maggiori probabilità di sviluppare la demenza.
Prevenire la demenza è diventato un obiettivo primario per i medici, in quanto i casi continuano ad aumentare. Ora un nuovo grande studio pubblicato sulla rivista medica BMJ fornisce la prova che un certo tipo di farmaco comune può aumentare il rischio di sviluppare la demenza.
I ricercatori hanno concluso che le persone che assumevano farmaci anticolinergici di classe 3 avevano maggiori probabilità di sviluppare la demenza, anche se hanno assunto i farmaci anni prima che sviluppassero la malattia.
I farmaci anticolinergici sono in grado di bloccare un neurotrasmettitore, l'acetilcolina, nel sistema nervoso centrale o periferico. A seconda di quale parte del sistema nervoso è influenzata, possono causare una miriade di reazioni. Di conseguenza, sono stati usati per trattare una varietà di malattie, tra cui l'epilessia, la depressione, il raffreddore da fieno, l'incontinenza urinaria e i sintomi del Parkinson.

Cosa ha rivelato lo studio
I ricercatori hanno esaminato 40.770 persone affette da demenza e 283.933 persone senza la malattia tra il 2006 e il 2015 per vedere se i farmaci potevano essere associati ad un aumentato rischio di esserne affetti.
Lo studio ha scoperto che le persone colpite da demenza erano tra coloro che avevano assunto farmaci anticolinergici di classe 3 più forti, prima di sviluppare la demenza. L'aumento del rischio variava per diversi tipi di farmaci, ma in certi casi è aumentato del 30%.
Il dottor Gayatri Devi, neurologo del Lenox Hill Hospital di New York e autore di "Lo Spetttro della speranza: un approccio ottimistico e nuovo al morbo di Alzheimer e altre demenze", ha spiegato che lo studio era credibile grazie alle sue grandi dimensioni e all'uso dei database sanitari del Regno Unito.
George Savva, PhD, ricercatore della School of Health Sciences della University of East Anglia e uno dei co-autori dello studio, ha detto che la ricerca può fornire agli esperti ulteriori prove per aiutarli a prendere decisioni ponderate sull'opportunità o meno di prescrivere il farmaco.
"Abbiamo scoperto che l'associazione con la demenza aumenta con una maggiore esposizione a questi tipi di farmaci" ha affermato in una nota.
Tuttavia, Savva e gli altri ricercatori hanno chiarito che non possono dire con certezza che questo farmaco causi la demenza - solo che è associato ad un aumento del rischio.
Il dott. Malaz Boustani, MPH,  ricercatore dell'Indian Research Center dell'Indiana University, ha dichiarato che i medici dovrebbero riflettere due volte prima di prescrivere questi farmaci.
"I medici dovrebbero rivedere tutti i farmaci anticolinergici - inclusi i farmaci da banco - che i pazienti di tutte le età assumono e trovare modalità sicure per eliminare le medicine anticolinergiche, per riuscire a  preservare la salute del cervello", ha detto Boustani in una nota.
Mantenere la salute del cervello infatti è la chiave. L'Associazione Alzheimer afferma che il numero dei casi di Alzheimer da solo dovrebbe quasi triplicare entro il 2050.


http://www.tecnichenuove.com/libri/esci-di-testa-entra-nel-cuore.html?acc=6512bd43d9caa6e02c990b0a82652dca
 


Nessun commento:

Posta un commento

Se ti è piaciuto l'articolo, lascia un commento

Cucina vegana e metodo Kousmine

Cucina vegana e metodo Kousmine
Cibo sano, naturale e gustoso. Con tante ricette!

Esci di testa... entra nel cuore

Esci di testa... entra nel cuore
Prendi la via del Risveglio e realizza te stesso

Dimagrisci con la Psicoalimentazione

Dimagrisci con la Psicoalimentazione
Un percorso in 7 passi per ritrovare l'equilibrio perduto

Donne sOle - Il libro

Donne sOle - Il libro
Per ritrovare se stesse ed affermare la propria presenza nel mondo