giovedì 10 maggio 2018

Bere bicarbonato di sodio potrebbe essere un modo economico e sicuro per combattere le malattie autoimmuni?

Una dose giornaliera di bicarbonato di sodio può aiutare a ridurre l'infiammazione distruttiva delle malattie autoimmuni come l'artrite reumatoide, dicono gli scienziati. Ci sono alcune delle prime prove di come l'antiacido economico da banco possa incoraggiare la nostra milza a promuovere un ambiente anti-infiammatorio che potrebbe essere terapeutico di fronte alle malattie infiammatorie, riferiscono gli scienziati.
Gli scienziati del Medical College of Georgia riportano sul Journal di immunologia i risultati di un interessante studio che dimostra che quando le persone sane bevono una soluzione di bicarbonato di sodio, questo diventa uno stimolo per lo stomaco a produrre più acido per digerire il pasto successivo e per le cellule mesoteliali, poco studiate, che risiedono sulla milza per dire all’organo che non è necessario far partire una risposta immunitaria protettiva
Le cellule mesoteliali delineano le cavità del corpo, come quella che contiene il nostro tratto digestivo, e coprono anche l’esterno dei nostri organi per evitare che letteralmente si sfreghino tra loro. Circa un decennio fa è stato rilevato che queste cellule forniscono anche un altro livello di protezione: hanno infatti piccole protusioni, chiamate microvilli, che avvertono l’ambiente e gli organi che rivestono che c’è un invasore ed è necessaria una risposta immunitaria.
Bere il bicarbonato di sodio, pensano gli scienziati del MCG, mette in moto la milza – che fa parte del sistema immunitario, agisce come un grande filtro per il sangue ed è il luogo in cui vengono prodotti alcuni globuli bianchi, come i macrofagi  deputati alla risposta immunitaria. 
“Certamente bere bicarbonato influenza la milza e pensiamo che ciò avvenga attraverso le cellule mesoteliali”, dice O’Connor.
Essenzialmente, il bicarbonato di sodio sembra agire in modo da stimolare naturalmente o "accendere" la risposta anti-infiammatoria dei macrofagi. Malattie come l'artrite reumatoide potrebbero dunque beneficiare di queste proprietà antinfiammatorie.
I ricercatori nello studio hanno notato un passaggio dalle azioni autoimmuni e infiammatorie a quelle antinfiammatorie a livello di stomaco, milza, reni e sangue periferico.
Lo spostamento del paesaggio è probabilmente dovuto a una maggiore conversione delle cellule proinfiammatorie in anti-infiammatori, oltre alla produzione di più macrofagi anti-infiammatori e un cambiamento nelle cellule T regolatorie.
Questa combinazione di processi riduce la risposta immunitaria e potrebbe aiutare a impedire al sistema immunitario di attaccare i suoi stessi tessuti.
“È potenzialmente un modo veramente sicuro per curare le malattie infiammatorie” afferma O’Connor

(fonte: jagwire.augusta.edu)

Potrebbe anche interessarti
https://psicoalimentazione.blogspot.it/2018/05/il-digiuno-intermittente-puo-avere.html





Nessun commento:

Posta un commento

Se ti è piaciuto l'articolo, lascia un commento

Cucina vegana e metodo Kousmine

Cucina vegana e metodo Kousmine
Cibo sano, naturale e gustoso. Con tante ricette!

Esci di testa... entra nel cuore

Esci di testa... entra nel cuore
Prendi la via del Risveglio e realizza te stesso

Dimagrisci con la Psicoalimentazione

Dimagrisci con la Psicoalimentazione
Un percorso in 7 passi per ritrovare l'equilibrio perduto

Donne sOle - Il libro

Donne sOle - Il libro
Per ritrovare se stesse ed affermare la propria presenza nel mondo