sabato 17 dicembre 2016

Fibre per la salute

Buongiorno a tutti,
eccoci di nuovo qui. Oggi iniziamo con l'approfondire il concetto di "fibra".
Con il termine "fibre" si intendono carboidrati non digeribili ed elementi carboidrato-simili che sono composti da cellulosa, emicellulosa, pectina e lignina e sono presenti negli alimenti vegetali. Anche la fibra è importante per la salute: agisce come uno “spazzino”, per cui si ha una maggiore pulizia intestinale, assorbe acqua, quindi aumenta il peso e l’elasticità della massa fecale via via che procede lungo l’intestino, allevia la stipsi e aiuta a sentirci più sazi.
Delle fibre si è cominciato a parlare negli anni '70, grazie alle osservazioni del medico inglese Denis Burkitt, il quale notò come le popolazioni che vivevano nelle zone rurali africane non soffrivano delle patologie che di solito affliggono gli occidentali, come il diabete, l'obesità, le malattie cardiache, i disordini intestinali quali la diverticolite, la stipsi, ma anche il cancro al colon. Analizzando come queste persone si nutrivano, scoprì che la loro dieta era a base di cereali integrali, frutta e verdura, tutti alimenti con alto tenore di fibra.
E' chiaro che le fibre apportano grandi benefici alla salute e, come aveva osservato il dr Burkitt, sono fondamentali per avere un apparato grastro-intestinale sano, prevenire l'obesità, ridurre i rischi cardiovascolari e possono essere un valido aiuto contro il diabete di tipo 2.
La dieta di tipo vegano contiene un alto dosaggio di fibre, utili anche per "rimettere in moto" l'intestino, bistrattato per anni con alimenti raffinati e cibi di origine animale (che non contengono fibra). Consideriamo che sono molte le persone che soffrono di costipazione. Quando parlo in pubblico, ad un convegno o conferenza, chiedo che alzino le mani coloro che hanno un intestino regolare: naturalmente non mi stupisco di vedere ogni volta mani alzate per meno di un terzo degli ascoltatori. E ancora, non resto meravigliata quando in studio (e mi è davvero capitato) alla stessa domanda qualcuno risponde: "Certo che sono regolare! Vado in bagno tutti i giovedì!" :-)
E' così, il problema della stipsi colpisce un gran numero di persone e ci sembra ormai "normale": ricordiamo però che l'intestino è il nostro secondo cervello e merita tutte le cure ed attenzioni! Per poterci definire "regolari", dovremmo evacuare da 1 a 3 volte al giorno.
Le cause della stitichezza sono molteplici, ma principalmente questa è dovuta, come abbiamo detto,  ad un abuso nel tempo di cibi raffinati a discapito delle fibre, ma anche alla mancanza di attività fisica ed alla scarsità di acqua assunta durante il giorno.
Molte problematiche di salute potrebbero essere evitate se solo riprendessimo in considerazione questa importante parte di noi: in fondo basta apportare dei cambiamenti allo stile di vita per ottenere dei risultati positivi in termini di forma, salute ed energia. Come vi ho detto, un'alimentazione senza cibi animali e ricca di frutta e verdura, come quella vegana, aiuta a regolizzare l'intestino; comunque, per chi di voi avesse problemi di costipazione, inserisco questi piccoli accorgimenti: 
  • Nella crema Budwig del mattino  utilizzare l'avena appena macinata come cereale e i semi di lino (anche questi macinati al momento) come seme oleoso; naturalmente bisogna metterci sempre anche l'olio di lino (rigorosamente "da frigo"), ricordando di emulsionarlo bene con lo yogurt prima di inserire gli altri ingredienti. Come dolcificante per la crema, utilizzare il malto di riso (ed evitare la banana);
  •  Iniziare SEMPRE i pasti con insalata mista, come abbiamo inserito detto più volte, limitando le carote, ma utilizzando tutte le verdure di stagione che possono essere consumare crude: condire l'insalata con un cucchiaino di olio extravergine di oliva spremuto a freddo, o con olio di girasole, e un po' di limone (contrariamente a ciò che si pensa, quest'ultimo non ha le proprietà astringenti che gli si attribuiscono);
  • Evitare i cibi raffinati, seguendo i consigli che trovate in questo blog, verso un'alimentazione consapevole. Inserire nell'alimentazione quotidiana i cereali integrali come il farro, l'orzo (ricordiamo: non perlati!), il riso integrale, ma anche l'avena, che, oltre ad apportare un discreto quantitativo di fibre, è anche un'ottima fonte di acidi grassi polinsaturi;
  
  •  Per un po' di giorni ci si può aiutare in questo modo: la sera mettere in un bicchiere di acqua 2 cucchiaini di semi di lino e lasciarli in ammollo tutta la notte; al mattino a digiuno bere l'acqua (che sarà ricca di mucillagini) evitando di bere i semi;



  • Non consumare il pane "commerciale", bianco e fatto con farine vecchie; piuttosto prepararselo da soli, utilizzando farine fresche integrali (di farro o di kamut, per esempio): ieri abbiamo visto una ricetta di un pane fatto si può fare con i semi oleosi (che possone essere variati:  semi di sesamo,  di girasole, di lino, di zucca, di canapa sativa alimentare...). Se ci procuriamo una macchina per fare il pane, vi posso assicurare che la scarsità di tempo sarà l'ultimo degli alibi a cui ci si può aggrappare per poterlo preparare;
   
  • Fare del movimento tutti i giorni: basta una camminata a passo veloce per mezz'ora-quaranta minuti per incentivare anche l'intestino a "muoversi";
 
 
  • Bere 8-10 bicchieri di acqua durante il giorno: il senso della sete si perde nel tempo, per cui bisogna "ricordarci" di bere;




  • Utilizzare dei probiotici (senza lattosio) al mattino prima della colazione;
 
 
 

  •  Relax! La vita non è solo corsa, fermento e frenesia! Concediamoci delle pause e diamoci la possibilità (anche nel gabinetto!) di essere presente a noi stessi ed il tempo per svolgere tutte le nostre funzioni: non corriamo e basta. Fermiamoci, ogni tanto :-)


Buona giornata a tutti!

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia un commento :-)

Cucina vegana e metodo Kousmine

Cucina vegana e metodo Kousmine
Cibo sano, naturale e gustoso. Con tante ricette!

Esci di testa... entra nel cuore

Esci di testa... entra nel cuore
Prendi la via del Risveglio e realizza te stesso

Dimagrisci con la Psicoalimentazione

Dimagrisci con la Psicoalimentazione
Un percorso in 7 passi per ritrovare l'equilibrio perduto

Donne sOle - Il libro

Donne sOle - Il libro
Per ritrovare se stesse ed affermare la propria presenza nel mondo