martedì 27 agosto 2013

Quando il cibo è la nostra valvola di sfogo


A molti di noi capita spesso (e comunque è capitato almeno una volta nella vita), di trovarsi nell’epicentro di un attacco di fame compulsiva, quella fame che non parte dallo stomaco, ma da uno stato emozionale.
In questa società, in cui bisogna essere “perfetti”, forti, pronti a dare il meglio di noi stessi, non ci possiamo permettere di dimostrare ed ammettere con serenità la nostra debolezza e fragilità. E’ così che reprimiamo emozioni, quelle che non vogliamo provare: rabbia, delusione, paura, vergogna. Ma queste sono un piatto della bilancia: nell’altro piatto ci stanno la serenità, la pace, il coraggio, la determinazione, la gioia. Non possiamo reprimere le prime… e poi aspettarci di provare le seconde. L’una e l’altra si manifestano in equilibrio. Insieme. Ecco quindi che quando non ci permettiamo di provare emozioni “negative”, di guardarle negli occhi, il tutto implode. Si forma un buco nero che risucchia tutto e ci si ritrova con le mani nel frigo e la bocca piena..
Idem vale per il controllo, perché controllare equivale spesso a reprimere.
Diamo spazio alle nostre fragilità, impariamo ad osservarle, come un testimone silenzioso, che le guarda senza giudicare, senza dire “è sbagliato”. Sono nostre, guardiamo come si esprime la paura, dove è localizzata la rabbia o la tristezza. Respiriamole, dolcemente, come se cullassimo un bambino.
Un rimedio floreale per aiutarci in questo processo è l’Oppresion Free, fiori australiani, da prendere 7 gocce la mattina e 7 la sera sotto la lingua. Con questa miscela di fiori, si lavora sul blocco emotivo e si impara ad accettarsi in tutte le nostre manifestazioni.
E quando ci viene da pensare “Non ce la faccio… E’ più forte di me!”, vale la pena chiedersi “Ma chi è…. me?” E concludo con questa frase del saggio Hillel, come invito alla resa al momento presente, all’accettazione di ciò che sono adesso:
“Se io non sono per me stesso, chi è per me?
E se io sono per me stesso, cosa sono?
E se non ora, quando?
Marilù Mengoni
Fonte:  http://www.gsamasternews.it/?p=3888

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia un commento :-)

Cucina vegana e metodo Kousmine

Cucina vegana e metodo Kousmine
Cibo sano, naturale e gustoso. Con tante ricette!

Esci di testa... entra nel cuore

Esci di testa... entra nel cuore
Prendi la via del Risveglio e realizza te stesso

Dimagrisci con la Psicoalimentazione

Dimagrisci con la Psicoalimentazione
Un percorso in 7 passi per ritrovare l'equilibrio perduto

Donne sOle - Il libro

Donne sOle - Il libro
Per ritrovare se stesse ed affermare la propria presenza nel mondo