Vuoi dimagrire?

Il primo passo necessario per dimagrire è quello di uscire fuori dalla trappola in cui sei caduto: una trappola che ti toglie le energie e non ti permette di ragionare con la tua testa. Se possedessi la Volontà, dimagrire sarebbe semplicissimo: in fondo, basta mangiare quando si ha fame e, soprattutto, utilizzare solo cibi nutrienti (nel sito della Psicoalimentazione e in questo Blog sono molti i suggerimenti in proposito). Ma non è così: i tuoi buoni propositi crollano davanti ad una crêpe alla nutella o ad un panino al McDonald's. Se non fossimo così addormentati, ci renderemmo conto che siamo solo piccole marionette mosse dai fili dell'inconsapevolezza che ci fanno dirigere in maniera automatica verso scelte insalubri, dannose per la nostra salute e, di conseguenza, per la nostra silhouette. Suvvia, svegliati da questo sonno e riprendi in mano la tua vita! Non affidarla ad altri che a tutto sono interessati, meno che alla tua salute e che anzi preferiscono una società di malati cronici zombizzati che seguono le regole del consumismo e che hanno un'unica arma (inutile): la lamentela. Ricordati che la lamentela ti  porta ancora più in basso: è un mezzo efficace solo per entrare ancora più profondamente nelle sabbie mobili dell'inconsapevolezza. Chiediti se vuoi veramente continuare così, se sei felice, se vuoi che la tua vita prosegua nella direzione in cui sta andando. Se il cuore risponde con gioia e partecipazione, allora continua pure: è la tua strada. Se invece senti un'emozione sgradevole, come un vuoto, non riempirlo di dolci e schifezze, ma inizia a riprendere le redini e a nutrire il tuo corpo e la tua anima di vita. E' tua la scelta: prendine atto.

Commenti

Post più popolari